Valore orario anzichè totale del costo della manodopera: la stazione appaltante esclude un operatore economico

Federica Dascoli
Tar Piemonte, Torino, sez. I, 07 maggio 2018, n. 523

La Stazione appaltante esclude l'operatore economico. L'operatore economico ricorre al Tar che annulla il provvedimento di esclusione.

Ecco in breve la sentenza:

"l'indicazione di "Euro 26,00" quale costo della manodopera, priva come è di ulteriori specificazioni, è frutto di un errore materiale. Tale cifra, infatti, non poteva ragionevolmente essere creduta quale indicazione dell'intero costo della manodopera necessaria per eseguire l'appalto; d'altro canto, avendo la ricorrente ribadito il numero 26 anche in lettere ("ventisei") non era neppure ipotizzabile l'erronea omissione di ulteriori, ma sconosciute, cifre a completamento di quella vergata. A fronte della ipotesi, evidentemente disancorata dalla realtà, che la ricorrente avesse seriamente voluto indicare la somma di 26 euro a copertura di tutti i costi della manodopera, v'era allora solo quella che la cifra di 26 euro rappresentasse il costo orario della manodopera, e tale ipotesi era, e rimane, oggettivamente accreditabile, atteso che il costo orario della manodopera costituisce un parametro al quale si fa sovente riferimento in materia di appalti, specialmente al fine di valutare la congruità della offerta.

Né si può affermare che la indicazione del solo costo orario della manodopera possa ritenersi inadeguato a consentire alla Stazione Appaltante il dovuto controllo.

Va ancora ricordato che sussiste differenza concettuale e qualitativa tra l'attività correttiva che una stazione appaltante deve apprestare per porre rimedio ad un errore materiale che attinge un atto di un operatore e quella che si estrinseca nel c.d. "soccorso istruttorio": come ha ricordato il Consiglio di Stato (Sez. IV, n. 854/2016) "Non v'è una specifica disposizione che regolamenta –in materia di gare pubbliche- le conseguenze della commissione da parte di un concorrente di un "errore materiale", e pertanto si applica de plano anche a tale fattispecie la disciplina sub art. 46 TUCP.

A conclusione di quanto si è fin qui esposto il Collegio ritiene che il provvedimento che ha escluso la ricorrente dalla gara indicata in epigrafe è illegittimo, e come tale va annullato, avendo la ricorrente indicato i propri costi della manodopera nella offerta economica presentata, dovendosi inoltre ritenere tale indicazione emendabile in quanto inficiata da mero errore materiale".

Linkografia:
www.giustizia-amministrativa.it
www.gazzettaufficiale.it


Ti interessa una formazione sul tema degli appalti?
Ecco il Calendario con i Prossimi Appuntamenti:


  • TORINO: Dal 02 ottobre al 20 novembre (tutti i martedì) presso la Sala Conferenze del Grattacielo Lancia Via V. Lancia 27 Programma del Corso
 

Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer