Partecipazione alle gare: l'errore nelle dichiarazioni che fa scattare il reato di falso

Federica Dascoli





Un cittadino lombardo veniva ritenuto penalmente responsabile del delitto di falso ideologico per aver dichiarato, in una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà diretta ad una Pubblica amministrazione in sede di partecipazione ad una gara, l'assenza di condanne penali. La sentenza di condanna era stata confermata anche in appello nel 2017.

Con ricorso per cassazione il condannato denunciava il vizio di violazione di legge in relazione all'art. 483 del Codice penale avendo errato la Corte territoriale nel non riconoscere che il comportamento da lui tenuto, integrativo sotto il profilo materiale del delitto contestatogli, era stato, invero, connotato da buona fede, essendo stato il dichiarante tratto in inganno dall'assenza di annotazioni pregiudizievoli contenute nel certificato del casellario rilasciato ad uso del privato.

Con sentenza n. 48898 del 25 ottobre 2018 la Corte di cassazione (V Sezione penale) respingeva il ricorso.

I giudici di Piazza Cavour, infatti, hanno richiamato l'interpretazione consolidata resa dalla giurisprudenza di legittimità, in tema di falsità ideologica in atto pubblico, ai fini della sussistenza dell'elemento soggettivo, ribadendo che ai fini della configurabilità dello stesso è sufficiente il dolo generico, ossia la volontarietà e la consapevolezza della falsa attestazione.

Poiché il contenuto della dichiarazione richiesta ai partecipanti alla gara di appalto era analiticamente scandito, quanto alla descrizione dei reati per i quali l'interessato non doveva essere stato condannato, neppure con sentenza pronunciata si sensi dell'art. 444 Cod. pen. e recante il beneficio della non menzione, tanto obbligava il ricorrente a dichiarare il vero: ciò a maggior ragione perché questi era dotato di sufficienti strumenti culturali per comprenderne il tenore e, in ogni caso, prima di rendere l'attestazione di cui alla contestazione, avrebbe dovuto verificare se le condanne riportate - delle quali egli era del tutto consapevole avendo presentato istanza di riabilitazione - fossero o meno tra quelle elencate nella clausola del bando.

Fonte:

http://www.ilquotidianodellapa.it

Redazione Synetich

 
Ti interessa una formazione sul tema degli appalti?
Ecco il Calendario con i Prossimi Appuntamenti:

 
TORINO: Dal 02 ottobre al 20 novembre (tutti i martedì) presso la Sala Conferenze del Grattacielo Lancia Via V. Lancia 27 - Previsti 48 Crediti Formativi Professionali per gli Ingegneri Programma del Corso  

 
AOSTA: Dal 17 ottobre al 5 dicembre presso la Sala Congressi dell'Hotel HB Aosta Via Malherbes 18/A - Con il Patrocinio dell'Ordine degli Ingegneri di Aosta - Previsto riconoscimento dei Crediti Formativi Professionali per gli Ingegneri Programma del Corso

Richiedi informazioni alla email altaformazione@synetich.com oppure contatta la nostra segreteria allo 011/263780

Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer