Omessa sottoscrizione digitale della busta economica

Federica Dascoli



La sentenza riguarda una gara avente ad oggetto una procedura aperta bandita dalla Banca d'Italia per l'aggiudicazione di alcuni servizi informatici.

Con il primo motivo di impugnazione le società ricorrenti lamentano la mancata esclusione dell'aggiudicataria (e del raggruppamento secondo classificato) per la mancata sottoscrizione della busta economica in formato digitale che costituirebbe, per espressa previsione del disciplinare di gara, un elemento essenziale dell'offerta economica e, quindi, alla sua mancata sottoscrizione dovrebbe conseguire l'esclusione dalla gara.

 Infatti, poiché il completamento della procedura di trasmissione dell'offerta economica avrebbe dovuto includere la sottoscrizione della busta digitale, l'offerta economica sarebbe da considerarsi incompleta, non essendo stato trasmesso nei termini un elemento essenziale della stessa. Tale omissione non avrebbe potuto essere sanata neppure con il soccorso istruttorio, essendo altrimenti inammissibilmente alterata la par condicio tra i concorrenti.

 

La decisione. Il Collegio, però, non accoglie tale interpretazione di parte ricorrente, ritenendo l'omessa sottoscrizione digitale delle buste economiche come un inadempimento puramente formale che non determina incertezza sul contenuto delle offerte economiche, inequivocabilmente descritte nel foglio in formato excel digitalmente sottoscritto dalle concorrenti (e soprattutto dall'aggiudicataria).

 

Pertanto, il fatto che la buste economiche non siano state firmate digitalmente non consente di porre in dubbio l'inserimento delle stesse nel portale tempestivamente e da parte di operatori debitamente autenticati. Infatti, la mancata sottoscrizione della busta economica non era espressamente prevista a pena di esclusione dal disciplinare di gara, pur essendo qualificata come un adempimento essenziale. Ma tale essenzialità della firma della busta va inteso come adempimento alternativo alla sottoscrizione dell'offerta. E nel caso concreto, essendo stata regolarmente firmata l'offerta, la eventuale sottoscrizione della busta contenente l'offerta è da ritenersi sostanzialmente superflua.

 

La mancata sottoscrizione digitale della busta economica, quindi, non comporta l'intervenuta violazione del termine di presentazione delle offerte. L'offerta pervenuta alla stazione appaltante, al contrario, deve ritenersi completa in tutti i suoi elementi essenziali senza, peraltro, che possa ritenersi integrata alcuna violazione della par condicio tra i concorrenti per effetto della mancata sottoscrizione in forma digitale della busta economica.

Fonte:
www.giustizia-amministrativa.it
www.lamministrativista.it

Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer