L'omessa indicazione degli oneri per la manodopera determina l'esclusione dalla procedura, senza possibilità di ricorrere al soccorso istruttorio?

Federica Dascoli
Tar Lombardia, Milano, sez. I, 07 maggio 2018, n. 1223.

Sull'argomento si è espresso recentemente anche il Consiglio di Stato, sez. III, 27 aprile 2018, n. 2554, il quale sosteneva che l'omessa indicazione degli oneri di sicurezza non comporta esclusione se comunque considerati nel prezzo dell'offerta.

Anche il Tar Milano la pensa allo stesso modo. Ecco i contenuti salienti della sentenza:

"Rispetto all'esplicitazione degli oneri della sicurezza, si sono formati due orientamenti giurisprudenziali contrapposti, uno a favore della legittimità dell'automatica esclusione in dipendenza del fatto in sé della mancata indicazione separata di detti oneri, l'altro contrario all'automatismo espulsivo (cfr. sui due orientamenti si considerino Tar Lazio Roma, Sezione I Bis, 15 giugno 2017, n. 7042; Tar Campania Napoli, sez. VIII, 03 ottobre 2017, n. 4611).

Il Tribunale ritiene che la seconda soluzione sia coerente con il quadro normativo interno e comunitario di riferimento, oltre che aderente ai più recenti approdi della giurisprudenza della Corte di Giustizia U.E..

Il riferimento va alle ordinanze della Corte di giustizia dell'UE, 10 novembre 2016, C-140/16, C-697/15, C-162/16 10 novembre 2016, C-140/16, C-697/15, C-162/16, che, seppure in relazione al solo tema degli oneri della sicurezza aziendali e richiamando i principi già espressi dalla Corte con sentenza 2 giugno 2016, C-27/15, hanno escluso ogni automatismo espulsivo, prediligendo una logica sostanzialistica, in coerenza, del resto, con il più recente orientamento della giurisprudenza amministrativa (si tratta di Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria, n. 19/2016 e n. 20/2016).

Nel caso di specie, tanto il dato normativo, quanto gli atti di gara, non esplicitano che l'esposizione dei costi della manodopera è pretesa a pena di esclusione, sicché l'applicazione dei principi fissati dalla Corte di Giustizia induce a ritenere che la ricorrente avrebbe dovuto essere posta in condizione di rimediare all'esclusione, palesando in sede procedimentale il valore dei costi della manodopera.

Si badi, la soluzione non si traduce nella generale ed indiscriminata possibilità per i concorrenti di integrare o modificare sostanzialmente l'offerta dopo la sua presentazione, perché a ciò ostano proprio i principi di parità di trattamento, non discriminazione e trasparenza valorizzati dalla giurisprudenza unitaria.

Né si tratta di svuotare di contenuto il principio della tassatività delle cause di esclusione, in forza del quale l'estromissione dalla gara è disposta sia nel caso in cui il codice, la legge statale o il regolamento attuativo la comminino espressamente, sia nell'ipotesi in cui impongano adempimenti doverosi o introducano, comunque, norme di divieto pur senza prevedere espressamente l'esclusione, sicché una impresa può essere esclusa se non adempie un obbligo previsto da una norma imperativa, anche quando il bando non richiama tale obbligo e né il bando, né la norma imperativa violata prevedono espressamente la conseguenza dell'esclusione (così Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria 25 febbraio 2014, n. 9; nonché 5 luglio 2012, n. 26 e 13 giugno 2012, n. 22; sentenze intervenute rispetto alla disciplina dettata dal d.l.vo 2006 n. 163, ma sulla base di principi riferibili anche alla disciplina introdotta dal d.l.vo 2016 n. 50).

Vero è, piuttosto, che, una volta consentito all'impresa di esplicitare il dato mancante – consistente nel caso in esame nella esposizione del costo della manodopera – occorre verificare se tale specificazione si sia tradotta in un'ammissibile integrazione sostanziale del contenuto dell'offerta, ovvero abbia solo determinato l'emersione di un dato economico compreso ab origine nell'offerta.

Si tratta di una soluzione del tutto coerente con i principi espressi dalla prevalente giurisprudenza nazionale in ordine al problema – del tutto simile a quello in esame – delle conseguenze della mancata esposizione dei costi della sicurezza aziendale.

Sul punto, la giurisprudenza, ormai prevalente, evidenzia la necessità di distinguere, sul piano delle conseguenze, l'ipotesi in cui si contesta al concorrente di avere formulato un'offerta economica senza considerare i costi derivanti dal doveroso adempimento dei obblighi di sicurezza a tutela dei lavoratori, da quella in cui tali costi sono stati considerati ma non esplicitati in modo separato.

Nel primo caso si produce un'incertezza assoluta sul contenuto dell'offerta e la sua successiva "sanatoria", in conseguenza di successive integrazioni, si risolverebbe in un'ammissibile modificazione del contenuto dell'offerta economica.

Viceversa, qualora non sia in discussione l'adempimento da parte del concorrente degli obblighi di sicurezza, né il computo dei relativi oneri nella formulazione dell'offerta, ma si contesta soltanto che l'offerta non specifica la quota di prezzo corrispondente ai predetti oneri, la carenza, allora, non è sostanziale, ma solo formale.

In questo caso il soccorso istruttorio, è doveroso, perché esso non si traduce in una modifica sostanziale del contenuto dell'offerta, ma solo nella specificazione formale di una voce che, pur considerata nel prezzo finale, non è stata indicata dettagliatamente (così testualmente Consiglio di Stato, Adunanza Plenaria, n.19 e n. 20 del 2016).

Ecco, allora, che nel caso in esame è illegittima l'esclusione disposta dalla stazione appaltante sulla base del mero riscontro formale della mancata esplicitazione nell'offerta della ricorrente del costo della manodopera".

Linkografia

www.giustizia-amministrativa.it
www.gazzettaufficiale.it



Ti interessa una formazione sul tema degli appalti?
Ecco il Calendario con i Prossimi Appuntamenti:

 

 

  • TORINO: Dal 02 ottobre al 20 novembre (tutti i martedì) presso la Sala Conferenze del Grattacielo Lancia Via V. Lancia 27 Programma del Corso

 

Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer