L’indicazione dei costi per la manodopera da parte dell’offerente ai sensi dell’art. 95, comma 10 del Codice, deve comprendere anche quelli relativi alle attività subappaltate?

Federica Dascoli






Il gestore uscente, secondo graduato, lamenta l'insufficienza dell'importo dei costi per la manodopera indicati in offerta dall'aggiudicataria (3.500 €), di gran lunga inferiori rispetto a quelli da egli indicati in offerta (oltre 80.000 €) e ritenuti necessari per l'esecuzione dei servizi sulla base dell'esperienza maturata nella sua precedente gestione.


L'aggiudicatario si difende sostenendo che non era tenuto ad indicare i costi per la manodopera per le prestazioni affidate in subappalto.

Quid juris?

Ecco la risposta a cura della pronuncia Tar Lombardia, Milano, sez. IV, 6 novembre 2018, n. 2515.

Non è "sostenibile la tesi per cui l'obbligo di indicazione del costo della manodopera sarebbe limitato a quella proprio dell'offerente con esclusione di quello sostenuto dall'eventuale subappaltatore.

La controinteressata giustifica, infatti, la notevole discrasia tra i propri costi della manodopera (pari a Euro 3.500,00) e i costi della manodopera indicati dalla ricorrente (pari Euro 82.000,00) con la circostanza di aver subappaltato le attività di trasporto, travaso ed eventuale conferimento in discarica del materiale di risulta ad altra impresa, eseguendo in proprio solamente i compiti di gestione amministrativa dell'appalto.

Sennonché, così facendo, l'aggiudicataria ha ammesso di non aver indicato tutti i costi della manodopera necessaria per l'esecuzione dell'intero contratto e di avere, pertanto, contravvenuto a un preciso obbligo su di essa incombente.

 

In quanto finalizzata a consentire la verifica del rispetto dei minimi salariali la previsione del disciplinare di gara, che riproduce una prescrizione normativa(articolo 95, comma 10, D.Lgs. n. 50/2016), non può che essere estesa a tutti i costi che l'offerente, direttamente o indirettamente, sostiene per adempiere alle obbligazioni contrattualmente assunte. La norma, invero, si presterebbe a facili elusioni, se si consentisse di scorporare dal costo totale della manodopera il costo sostenuto dai subappaltatori.

L'indicazione di una parte soltanto dei costi della manodopera concretizza pertanto una violazione dell'obbligo, al pari omissione totale del dato.

Orbene, la mancata indicazione del costo della manodopera, concretizzando la violazione di un adempimento doveroso, determina l'esclusione dalla gara, anche ove la sanzione espulsiva non sia espressamente prevista dalla lex specialis di gara (cfr., T.A.R. Campania – Napoli, Sez. VI, sentenza n. 5148/2018).

Fonte:
 
Redazione Synetich

Ti interessa una formazione sul tema degli appalti?
Ecco il Calendario con i Prossimi Appuntamenti:

TORINO: Dal 02 ottobre al 20 novembre (tutti i martedì) presso la Sala Conferenze del Grattacielo Lancia Via V. Lancia 27 - Previsti 48 Crediti Formativi Professionali per gli Ingegneri Programma del Corso  

AOSTA: Dal 17 ottobre al 5 dicembre presso la Sala Congressi dell'Hotel HB Aosta Via Malherbes 18/A - Con il Patrocinio dell'Ordine degli Ingegneri di Aosta - Previsto riconoscimento dei Crediti Formativi Professionali per gli Ingegneri Programma del Corso

Richiedi informazioni alla email altaformazione@synetich.com oppure contatta la nostra segreteria allo 011/263780
 

Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer