Gara Telematica SINTEL: file in Word al post che in PDF

Federica Dascoli


A seguito della sentenza del Tar Lombardia, Milano, sez. I, 12 febbraio 2018, n. 412 secondo la quale era legittima l'esclusione escludere l'operatore economico che aveva prodotto la documentazione in formato Word al posto che in formato PDF (ne avevamo già parlato qui), il Consiglio di Stato, sez. III, 03 luglio 2018, n. 4065 è intervenuto sulla questione riformando la sentenza precedente.


"[...]è agevole osservare che l'irregolarità contestata alla parte appellante, inerendo alla domanda di partecipazione (e non, quindi, all'offerta economica o a quella tecnica), rientra pianamente entro il perimetro applicativo del soccorso istruttorio.

Come si evince dalla relazione istruttoria acquisita agli atti del giudizio di primo grado, in esecuzione della corrispondente ordinanza del T.A.R., l'operazione di apertura dei files in formato .doc trasmessi dalla parte appellante (rectius, allegati alla documentazione amministrativa da due delle tre imprese costituenti il R.T.I.), posta in essere dall'organo verificatore, si è svolta con esito positivo, essendo stati essi regolarmente aperti e resi leggibili mediante "lo strumento in uso presso la stazione appaltante (Digital Sign)", previa autorizzazione all'attivazione di un "viewer esterno", ovvero, come chiarito dalla parte appellante, mediante un programma ("Word") normalmente presente nel sistema operativo denominato "Mycrosoft Windows".

Né potrebbe sostenersi che la necessità di effettuare operazioni ulteriori, rispetto a quella connessa alla mera apertura dei files inviati dai concorrenti mediante la stessa piattaforma elettronica sulla quale erano stati "caricati", avrebbe rappresentato un serio intralcio per il regolare svolgimento della gara: a prescindere dal rilievo secondo cui le attività implicate dalla apertura dei files aventi l'estensione .doc non sono caratterizzate da profili di particolare gravosità o dispendio temporale, essendo agevolmente espletabili da qualunque operatore dotato di medie conoscenze informatiche, deve osservarsi che la stessa Commissione di gara non si è sottratta al compito di porre in essere i tentativi necessari per la lettura degli stessi (sebbene, per circostanze contingenti e non del tutto chiarite, senza riuscirvi).

Non è in discussione la preferibilità del formato .pdf rispetto al formato .doc ai fini della predisposizione e della trasmissione dei documenti di gara, in quanto maggiormente idoneo, rispetto al secondo, a garantire la "stabilità" degli stessi.

Nella specie tuttavia, anche in considerazione della natura del documento irregolare (la domanda di partecipazione alla gara: diverso e più approfondito discorso dovrebbe farsi, evidentemente, ove il vizio riguardasse l'offerta tecnica o economica, che peraltro si è visto essere sottratte a priori al meccanismo sanante), l'esigenza di immodificabilità non si pone in termini così stringenti, non contenendo essa dati suscettibili di influire sullo svolgimento della selezione, da indurre a ritenere che l'irregolarità incida sulla stessa "individuazione del contenuto" del documento medesimo o del suo autore, siccome sfornito di idonee garanzie di "stabilità".

Nemmeno apporta significativi elementi, a favore della tesi interpretativa fatta propria dal giudice di primo grado, la giurisprudenza da esso citata, ed in particolare il precedente di questa Sezione n. 3329 del 2 luglio 2014, concernente una ipotesi di illeggibilità della documentazione di gara (imputabile, come accertato dal giudice, all'impresa e non al sistema informatico Sintel), essa sì inficiante l'"individuazione" del contenuto del documento medesimo (agli effetti applicativi del soccorso istruttorio, così come disciplinato dalla normativa successivamente intervenuta).

Non decisive sono altresì le deduzioni dell'Amministrazione appellata, contenute nelle memorie del 14 e del 15 giugno 2018, intese ad evidenziare che i files in oggetto sarebbero nulli ai sensi dell'art. 21 del Codice dell'Amministrazione Digitale.

Deve invero precisarsi che la disposizione invocata (art. 21, comma 1, d.lvo n. 82 del 7 marzo 2005, peraltro abrogato dall'art. art. 21, comma 1, lett. b), d.lgs. n. 217 del 13 dicembre 2017) dispone(va) che "il documento informatico, cui è apposta una firma elettronica, soddisfa il requisito della forma scritta e sul piano probatorio è liberamente valutabile in giudizio, tenuto conto delle sue caratteristiche oggettive di qualità, sicurezza, integrità e immodificabilità".

Ebbene, a differenza di quanto sostenuto dall'Amministrazione resistente, le menzionate "caratteristiche oggettive di qualità, sicurezza, integrità e immodificabilità" non condizionano in termini assoluti la validità del documento informatico sottoscritto con firma digitale, ma la sua rilevanza probatoria in sede di giudizio, pur sempre oggetto di libera valutazione da parte del giudice".

www.giustizia-amministrativa.it

Ti interessa una formazione sul tema degli appalti?
Ecco il Calendario con i Prossimi Appuntamenti:

 

TORINO: Dal 02 ottobre al 20 novembre (tutti i martedì) presso la Sala Conferenze del Grattacielo Lancia Via V. Lancia 27 Programma del Corso - Previsti 48 Crediti Formativi Professionali per gli Ingegneri.
AOSTA: Dal 17 ottobre al 5 dicembre - Sede in via di definizione Programma del Corso

Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer