Accesso agli atti di gara e accesso civico generalizzato

Federica Dascoli

Tar Sicilia, Catania, sez. III, 29 gennaio 2018, n. 218

"Va, altresì, evidenziato che, fermo il diritto di esercitare il cosiddetto accesso civico generalizzato, appare meritevole di tutela, anche alla luce della legge n. 241/1990, l'interesse ad ottenere copia della documentazione afferente la consegna e l'inizio dei servizi nonché i provvedimenti di liquidazione, in linea con l'orientamento espresso dal T.A.R. Lazio (nelle sentenza n. 13808/2009 sopra citata), con cui il Tribunale, dopo aver ricordato, in punto di fatto, che l'impresa non era stata invitata dall'Amministrazione intimata ad alcuna procedura selettiva per l'affidamento del servizio afferente il settore nel quale la medesima opera e dopo aver affermato che in capo all'interessata è individuabile un interesse, a carattere personale e concreto, alla conoscenza degli atti amministrativi che possano aver determinato, in ragione del mancato invito a pubbliche procedure di selezione, o comunque a procedure negoziate, un pregiudizio nei confronti della posizione giuridica soggettiva che l'interessata medesima vanta, ha ritenuto sussistente l'interesse di parte ricorrente a conoscere le modalità di esecuzione di una commessa alla quale pur essa aspirava.

Va, poi, precisato che il Comune resistente non ha dimostrato in giudizio di avere correttamente esaudito – seppure in parte – le richieste della ricorrente, né ha fornito prova della disponibilità della documentazione di cui ai punti 1), 2) e 3) all'interno del portale MEPA, di talché il diritto all'accesso di parte ricorrente deve essere affermato anche sotto tale profilo.

L'accesso dell'interessata va, altresì, garantito anche in relazione al documento comprovante la consegna e l'inizio del servizio, con la precisazione che, onde soddisfare il concreto interesse della ricorrente, l'Amministrazione deve porre a disposizione il documento che la locatrice consegna al locatario per attestare l'avvenuta consegna dei bagni, la loro ubicazione, il loro numero e tipo, nonché la data, ovvero, in subordine, il documento di trasporto.

Il Collegio ritiene, infine, che la richiesta di accesso non possa essere assentita, neppure ai sensi degli artt. 5 e 5-bis del decreto legislativo n. 33/2013, con riferimento alle fatture presentate ed ai mandati di pagamento, poiché tali documenti possono contenere informazioni personali (ad esempio gli estremi dei conti bancari della ditta appaltatrice), risultando, quindi, prevalente l'interesse privato di cui all'art. 5-bis, secondo comma, lettera a).

Al riguardo può anche essere opportuno aggiungere che non risulta dimostrato a quali fini tale documentazione sia necessaria per tutelare l'interesse di parte ricorrente per come sopra delineato e comunque essa parte non ha compiutamente esplicitato perché non sia sufficiente l'acquisizione delle informazioni contenute nei provvedimenti di liquidazione".

 

Fonte:

www.giustizia-amministrativa.it

Ti interessa una formazione sul tema degli appalti?
Ecco il Calendario con i Prossimi Appuntamenti:

 

TORINO: Dal 02 ottobre al 20 novembre (tutti i martedì) presso la Sala Conferenze del Grattacielo Lancia Via V. Lancia 27 Programma del Corso

 
 

Valid XHTML 1.0! Valid CSS! RSS Linkomm - SEO Web Agency Torino Customizer