Formazione RLS

Tutte le aziende con almeno un dipendente. Per le aziende fino 15 dipendenti il RLS è eletto direttamente dai lavoratori; nelle aziende con più di 15 dipendenti il RLS è eletto tra i rappresentati sindacali.

Lavoratori eletti o designati per l'incarico di Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, di qualsiasi azienda, impresa, servizi, nel settore privato ed il quello pubblico. Non possono partecipare al corso i Datori di Lavoro che non possono ricoprire questa carica prevista dal D.Lgs. 81/08.

Il corso vuole fornire a i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza le conoscenze di base necessarie per svolgere al meglio il proprio compito nell'ambito dell'organizzazione della sicurezza aziendale nella prevenzione degli infortuni e dell'igiene del lavoro. Al termine del corso verrà effettuato un Test di apprendimento.

MODULO "A" PRINCIPI COSTITUZIONALI E CIVILISTICI; LA LEGISLAZIONE GENERALE E SPECIALE IN MATERIA DI PREVENZIONE INFORTUNI E IGIENE DEL LAVORO; I PRINCIPALI SOGGETTI COINVOLTI ED I RELATIVI OBBLIGHI - Breve storia della sicurezza sul lavoro - La gerarchia delle fonti giuridiche – le Direttive Europee – La Costituzione, Codice Civile e Codice Penale – L'evoluzione della normativa sulla sicurezza e igiene del lavoro – Statuto dei lavoratori e normativa sull'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e malattie professionali - Il D.Lgs. 81/2008 ed il quadro normativo di riferimento - I Soggetti del Sistema di prevenzione aziendale. I compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali -Il Datore di Lavoro, i Dirigenti e i Preposti – Il Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP), gli Addetti del SPP – Il Medico Competente (MC) – Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) e il Rappresentante dei lavoratori per la Sicurezza territoriale (RLST) - La filosofia del D.Lgs 81/2008 in riferimento all'organizzazione di un Sistema di Prevenzione aziendale, alle procedure di lavoro, al rapporto uomo-macchina e uomo ambiente/sostanze pericolose, alle misure generali di tutela della salute dei lavoratori e alla valutazione dei rischi - Organizzazione della sicurezza e prevenzione. - Gli Addetti alla Prevenzione Incendi, Evacuazione dei Lavoratori e Pronto Soccorso – i Lavoratori – I Progettisti, i Fabbricanti, i Fornitori e gli Installatori – I lavoratori autonomi - Principali rischi sul lavoro - Il Rappresentante per la sicurezza -Infortuni, Vigilanza e controllo. Il sistema delle prescrizioni e delle sanzioni - Le omologazioni, le verifiche periodiche, informazione, assistenza e consulenza - Organismi paritetici e accordi di categoria •Il Registro degli infortuni.

MODULO "B" LA DEFINIZIONE E L'INDIVIDUAZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO; LA VALUTAZIONE DEI RISCHI - La Valutazione dei rischi, concetti di pericolo, rischio, danno, prevenzione Principio di precauzione, attenzione al genere, clima delle relazioni aziendali (I parte), rischio di molestie e mobbing Analisi degli infortuni: cause, modalità di accadimento, indicatori, analisi statistica e andamento nel tempo, registro infortuni - Linee Guida per la Valutazione. Informazione sui criteri, metodi e strumenti per la valutazione dei rischi (Linee guida regionali, linee guida CEE, modelli basati su check list, la Norma UNI EN 1050/98 ecc.). Contenuti e specificità: metodologia della valutazione e criteri utilizzati, individuazione e quantificazione dei rischi, misure di prevenzione adottate o da adottare. Priorità e tempistica degli interventi di miglioramento. Definizione di un sistema per il controllo dell'efficienza e dell'efficacia nel tempo delle misure attuate. Individuazione di alcuni rischi specifici in relazione alla normativa di salute e sicurezza - Ambienti e luoghi di lavoro - Rischi da agenti chimici - Rischi da agenti biologici - Rischio da esposizione a rumore e vibrazioni - Movimentazione manuale dei carichi - Rischio cadute dall'alto - VDT - Ergonomia e organizzazione del lavoro - Le attrezzature di lavoro - Rischio da radiazioni ionizzanti e non ionizzanti - Rischio da campi elettromagnetici - Il microclima - L'illuminazione - Tenuta dei registri di esposizione dei lavoratori alle diverse tipologie di rischio che li richiedono.

MODULO "C" L'INDIVIDUAZIONE DELLE MISURE (TECNICHE, ORGANIZZATIVE, PROCEDURALI) DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Ruolo della Medicina del Lavoro - Sorveglianza sanitaria - Elementi di primo soccorso - Dispositivi di protezione individuale (DPI): criteri di scelta e di utilizzo - Principali malattie professionali - Donna e lavoro - Alcool e Fumo - Le attrezzature di lavoro, ambienti, posti di lavoro e passaggio. - Norme generali di protezione delle macchine; norme particolari di protezione delle macchine; manutenzione e riparazione. - Mezzi di sollevamento, trasporto, immagazzinamento; impianti, macchine e apparecchi elettrici. - Materie e prodotti pericolosi e nocivi; difesa dagli agenti nocivi. - Verifiche apparecchi di sollevamento, procedure, obblighi - Segnaletica.

32 ore (aggiornamento per RLS di azinede con + di 50 dipendenti 8 ore - aggiornamento per RLS di aziende con - di 50 dipendenti 4 ore)

Corso in aula presso l'ente di formazione o presso il cliente.

Al termine del corso verrà rilasciato un attestato di frequenza e profitto previo superamento Test di apprendimento finale.

1 anno

D.Lgs. n.81 del 9 Aprile 2008 Sezione VII.

Calendario del corso

Scarica il calendario dei corsiTorna alla scheda corso

Edizione

Dati dell'azienda

Compilare questo campo
Inserisci un indirizzo selezionandolo dalla tendina dei suggerimenti
Compilare questo campo
Inserire un indirizzo email valido
Accettare per continuare