News

Illeciti professionali e incompatibilità per “grave inimicizia”

Federica Dascoli

Le annotazioni di illeciti professionali nel Casellario Informatico ex art. 213 comma 10 del Dlgs.50/2016hanno effetto automaticamente escludente?Una precedente segnalazione all'Anac relativa ad illeciti professionali determina l'obbligo di astensione in future gare per il soggetto segnalante?

Risposte ambedue negative arrivano dalTar Lombardia, Brescia, sez. I, 21 marzo 2018, n.321.

Sull'annotazione di illeciti professionali

"Le annotazioni di illeciti professionali nel Casellario Informatico ex art. 213 comma 10 del Dlgs. 50/2016non hanno effetto automaticamente escludente, ma sono rimesse alle valutazioni delle singole stazioni appaltanti, che ne possono stabilire la gravità con riguardo al livello di affidabilità richiesto nelle gare di rispettiva competenza. Su questa frontiera si colloca anche l'interpretazione dell'ANAC esposta nelle Linee Guida n. 6 (punto 6.2).

La tecnica di redazione delle annotazioni assume notevole importanza, in quanto orienta le valutazioni delle stazioni appaltanti. Sotto questo profilo, incombe alle imprese interessate l'onere di chiedere che gli episodi annotati siano cancellati o ridimensionati, in modo da prevenire contestazioni in sede di gara. Tuttavia,la dimostrazione della correttezza professionale può comunque essere fornita nell'interlocuzione con le singole stazioni appaltanti, quando siano chiesti chiarimenti sugli episodi annotati.

Nello specifico, l'annotazione, oltre a contenere l'avvertimento circa l'assenza di automatici effetti escludenti, precisa correttamente che il recesso deciso dalla stazione appaltante dipende da una scelta autonoma, e dunque non deve essere messo in relazione con l'episodio segnalato. Pertanto, non si è realizzata la fattispecie tipica descritta nell'art. 80 comma 5-c del Dlgs. 50/2016 (ossia una carenza nell'esecuzione che abbia causato la risoluzione anticipata del contratto, non contestata in giudizio, ovvero confermata all'esito di un giudizio, ovvero all'origine di una condanna risarcitoria).

Rimane però la possibilità di qualificare l'episodio tra i gravi illeciti professionali sulla base di una valutazione discrezionale della stazione appaltante, che qui coincide con l'amministrazione segnalante. Il Comune dispone quindi di una perfetta conoscenza della situazione di fatto, e su questa deve basare le sue argomentazioni, senza potersi limitare a un semplice rinvio all'annotazione, che finirebbe per produrre una motivazione circolare".

Sulla rilevanza dell'episodio annotato

"In concreto,non sembra che l'episodio annotato possa configurare un grave illecito professionale. Indubbiamente, l'avvio anticipato dei lavori, con opere in cemento armato, quando in realtà era stato autorizzato solo l'approntamento del cantiere e non era ancora stato consegnato al RUP il progetto esecutivo, costituisce un inadempimento contrattuale. Parimenti, non sembra giustificabile la resistenza manifestata nei confronti della sospensione dei lavori, circostanza che ha costretto il Comune a reiterare l'ordine di chiusura del cantiere.La stazione appaltante non ha però risolto il contratto in conseguenza di questi fatti, e ha anzi accettato i lavori, una volta che questi sono stati ripresi ed eseguiti. È stata anche disposta la liquidazione del corrispettivo, con alcune riserve contabili che qui non rilevano. Lo stesso ritardo nella consegna del progetto esecutivo può essere ridimensionato, in quanto è rimasto contenuto in pochi giorni, e non vi sono poi state contestazioni sui calcoli strutturali.

In altri termini,la gravità iniziale dell'inadempimento si è progressivamente stemperata,e alla fine è stata riassorbita in un'esecuzione utile del rapporto contrattuale. Pertanto, l'episodio annotato non è sufficiente da solo a sostenere un giudizio di inaffidabilità con effetti escludenti. Potrebbe invece rilevare in futuro, all'interno di una valutazione più ampia, qualora si sommasse ad altri episodi problematici nell'esecuzione di nuovi contratti".

Fonte (giurisprudenzappalti.it)