News

HowtoSoa pt.1

Synetich Srl

 
L'acronimo

Procediamo con ordine: l'acronimo sta per Società Organismi di Attestazione. Queste società, private e per azioni per regolamento devono avere un capitale sociale interamente versato minimo di un milione di euro. Come suggerisce l'acronimo, il motivo ontologico delle Soa risiede nella facoltà, loro concessa dall'Autorità di Vigilanza, di rilasciare l'attestazione SOA, una qualifica essenziale per tutte le imprese desiderose di partecipare a gare d'appalto per l'esecuzione di lavori pubblici con base d'asta a partire da 150.000 euro.

 
L'attestazione

L'attestazione in questione è il documento richiesto in fase di gara che certifica le capacità dell'impresa di potersi assumere gli oneri della realizzazione, autonomamente o in subappalto, dell'opera pubblica interessata. Nello specifico, la qualifica comprova e garantisce il possesso dei requisiti speciali, stabiliti dalle normative in tema di Contratti Pubblici di lavori, da parte dell'impresa in questione. Per risultare idonea a ottenere la qualificazione, un'impresa deve dimostrare sia quanto richiesto nel DPR 207/2010, sia di aver realizzato, negli ultimi 15 anni, lavori pari all'importo per cui chiede la qualificazione.

 
Il compenso

Il compenso spettante alle SOA, stabilito dal Regolamento, per lo svolgimento dell'attività di attestazione varia a seconda dell'importo complessivo delle qualificazioni richieste nelle varie categorie e il numero delle categorie generali o specializzate per le quali si chiede la qualificazione, la formula è la seguente:

  • corrispettivo= [C/12.500+(2*N+8)*413,16]*1,0413*R

Rappresenta il minimo applicabile dalla SOA in quanto, al di sotto di tale soglia, l'impresa e la S.O.A. incorrerebbero in sanzioni

 
I requisiti: generali e speciali

I requisiti che deve avere l'impresa si dividono in quelli di ordine generale e speciale. Per quanto concerne il primo insieme, quelli fondamentali sono:

  • Cittadinanza italiana o stato appartenente all'unione europea;

  • assenza di procedimenti in corso;

  • assenza di violazioni gravi;

  • iscrizione alla C.C.I.A.A.    

Quelli di ordine speciale, invece:

  • capacità economico finanziaria;

  • capacità tecnica e organizzativa;

  • adeguata dotazione di attrezzatura tecnica;

  • adeguato organico medio annuo.

Quest'ultimo ordine di requisiti stabilisce le categorie e classifiche che l'impresa può chiedere come qualificazione.

 
Le categorie

Le categorie di opere in cui si potrà ottenere la qualificazione sono 52:

  • 13 per opere di carattere generale (edilizia civile e industriale, fogne e acquedotti, strade, restauri, ecc.);

  • 39 per opere specializzate (impianti, restauri di superfici decorate, scavi, demolizioni, arredo urbano, finiture tecniche, finiture in legno, in vetro e in gesso, arginature ecc.).

La categoria di opere è legata all'attività aziendale e alla tipologia dei lavori eseguiti dall'impresa durante il suddetto periodo di riferimento. Le classifiche di qualificazione sono 10, identificate da un numero romano e da un corrispondente controvalore, espresso in euro:

  • I fino a euro 258.000;

  • II fino a euro 516.000;

  • III fino a euro 1.033.000;

  • III bis fino a euro 1.500.000;

  • IV fino a euro 2.582.000;

  • IV bis fino a euro 3.500.000;

  • V fino a euro 5.165.000;

  • VI fino a euro 10.329.000;

  • VII fino a euro 15.494.000;

  • VIII oltre euro 15.494.000.

 
Come attestarsi

L'ART. 79 DEL DPR 207/2010 L'articolo 79 del DPR 5 ottobre 2010, n. 207 è il volano dell'intero Regolamento. Racchiude i requisiti che le imprese devono possedere per poter essere qualificate. Si tratta di requisiti di ordine speciale suddivisi in quattro argomenti che si aggiungono al requisito qualità.
Procedendo con ordine:

  • 1. Sistema Qualità: da dimostrare con il possesso del Sistema Qualità aziendale previsto dalla normativa UNI EN ISO 9001:2015 rilasciata da un soggetto accreditato. Per le attestazioni nelle classifiche I e II (ossia appalti fino a € 516.000) tale requisito non è necessario (a meno che le imprese in possesso di tali classifiche non vogliano partecipare a una gara in Associazione Temporanea – verticale o orizzontale – di importo pari o superiore a quello sopraindicato);

  • 2. Capacità economica e finanziaria. In questa sezione, i requisiti di adeguata capacità economica e finanziaria si dimostrano attraverso:

  • referenze bancarie che possono essere dimostrate mediante una dichiarazione specifica rilasciata da uno o più istituti bancari;

  • cifra d'affari, calcolata in sede di qualificazione, deve coprire in toto la somma degli importi di qualificazione richiesti nelle varie categorie;

  • capitale netto, deve risultare positivo nell'ultimo bilancio approvato;

  • 3. Idoneità tecnica ed organizzativa. Da dimostrare attraverso il possesso dei seguenti requisiti:

  • Presenza di idonea direzione tecnica;

  • l'esecuzione dei lavori eseguiti, in ciascuna delle categorie oggetto della richiesta, deve essere di importo complessivo non inferiore al 90% dell'importo richiesto nella stessa classifica;

  • il compimento di almeno un lavoro per ogni categoria oggetto della richiesta, con importo non al di sotto del 40% dell'importo della classifica richiesta; se non possibile, è validante l'esecuzione di almeno due lavori della stessa categoria di importo complessivo non inferiore al 55% dell'importo della classifica richiesta; ovvero, l'esecuzione di almeno tre lavori della stessa categoria di importo complessivo non inferiore al 65% dell'importo della classifica stessa.

  • 4. Adeguata dotazione di attrezzature tecniche. Si sostanzia nella dotazione stabile di attrezzature, mezzi d'opera ed equipaggiamento tecnico, sia in proprietà in locazione finanziaria sia a noleggio (esclusivamente a freddo), con annesse le essenziali indicazioni identificative. L'attrezzatura tecnica - sotto forma di ammortamenti, canoni di locazione finanziaria e canoni di noleggio - in riferimento agli ultimi 15 anni deve incidere per almeno il 2% sulla cifra d'affari. Tale incidenza dovrà essere costituita almeno per il 40% (0,8%) dagli ammortamenti e dai canoni di locazione finanziaria. È importante ricordare che, in caso di contratto di noleggio pari o superiore ai cinque anni, è possibile assimilarlo ai canoni di locazione.

  • A seguire uno “schema” di dotazione di attrezzature tecniche:

  • ammortamenti + locazioni finanziarie + noleggi pari o superiori ai 5 anni + noleggi ≥ 2% CA;

  • la “Dotazione stabile” deve essere pari al 2% della cifra d'affari;

  • allo stesso tempo: ammortamenti + locazioni finanziarie + noleggi pari o superiori ai 5 anni  ≥  40% Dotazione stabile. Qualora l'attrezzatura fosse inferiore alla percentuale del 2% della cifra d'affari, quest'ultima è figurativamente e proporzionalmente ridotta in modo da coincidere con la percentuale richiesta.

  • 5. Adeguato organico medio annuo. Dimostrato dal costo complessivo sostenuto per il personale dipendente, scomponibile in retribuzione e stipendi, contributi sociali e accantonamenti ai fondi di quiescenza.

  • Non deve essere inferiore al 15% della cifra d'affari in lavori effettivamente realizzata, di cui almeno il 40% per personale operaio. Alternativamente, l'adeguato organico medio annuo può essere dimostrato dal costo complessivo sostenuto per il personale dipendente assunto a tempo indeterminato, non inferiore al 10% della cifra d'affari in lavori, di cui almeno l'80% per personale tecnico laureato o diplomato.