News

Accesso agli atti, differenze tra nuovo e vecchio codice

Federica Dascoli

Nel Vecchio Codice dei contratti, l'art. 13 del d. lgs n. 163/2006, stabiliva che erano sottratti all'accesso e ad ogni forma di divulgazione, tra gli altri documenti, "le informazioni fornite dagli offerenti nell'ambito delle offerte ovvero a giustificazione delle medesime, che costituiscano, secondo motivata e comprovata dichiarazione dell'offerente, segreti tecnici e commerciali (art. 13, comma 5, lett. a).

Il comma 6 prevedeva che l'accesso è comunque consentito al "concorrente che lo chieda in vista della difesa in giudizio dei propri interessi in relazione alla procedura di affidamento del contratto nell'ambito della quale viene formulata la richiesta di accesso".

La giurisprudenza formatasi su queste disposizioni era orientata a ritenere che:

a) la tutela del segreto tecnico o commerciale non può essere, per la prima volta, in sede di opposizione all'istanza di accesso, dovendo essere tale indicazione oggetto di esplicita dichiarazione resa in sede di offerta, come si desume:
  • sul piano letterale, dai riferimenti effettuati alle "informazioni fornite dagli offerenti nell'ambito delle offerte", e dalla dichiarazione, anch'essa resa dall' "offerente", in ordine al dato che le stesse costituiscono segreto tecnico o commerciale;
  • sul piano della ragionevolezza interpretativa, dal fatto che tale indicazione non può costituire un impedimento frapposto ex post dall'aggiudicatario, a tutela della posizione conseguita, nei confronti dell'esercizio del diritto alla tutela giurisdizionale da parte degli altri concorrenti;

b) ècompito dell'amministrazione aggiudicataria, in sede di valutazione dell'istanza di accesso eventualmente pervenuta, valutare, sulla base della dichiarazione in precedenza resa dalla offerente poi risultata aggiudicataria, se l'inerenza del documento al segreto tecnico o commerciale si fondi su una "motivata e comprovata dichiarazione".Nell'attuale Codice dei contratti pubblici, l'accesso agli atti e la riservatezza sono stati disciplinati dall'art. 53.La norma – dopo aver previsto che il diritto di accesso agli atti delle procedure di affidamento e di esecuzione dei contratti pubblici, comprese anche le candidature e le offerte, è disciplinato dagli articoli 22 e ss. della legge 7 agosto 1990, n. 241 – contiene una serie di prescrizioni specifiche in materia di procedure di aggiudicazione, sovrapponibili – per quanto qui interessa – a quelle di cui all'art. 13.Sancisce innovativamente che, in relazione alle offerte, il diritto di accesso è differito fino all'aggiudicazione.Tuttavia, consente l'accesso al concorrente ai fini della difesa in giudizio dei propri interessi in relazione alla procedura di affidamento (art. 53 comma 6).
Pertanto, anche nel nuovo contesto normativo risultano utilizzabili le precedenti acquisizioni giurisprudenziali.


Fonte
www.giustizia-amministrativa.it
www.sentenzeappalti.it